La bottega "Febo"

Si trovava in via IV novembre, quasi di fronte al Tempio Malatestiano. Aperta assieme al pittore riminese Demos Bonini, prendeva il nome dalle iniziali dei loro cognomi ed era il luogo dove Fellini realizzava e vendeva i suoi primi ritratti fatti ai passanti o delle star del cinema per il Fulgor.

«Avevo aperto con Demos Bonini una bottega artistica; sulla vetrina c’era scritto “Febo”. Si facevano ritrattini e caricature alle signore anche a domicilio. Io firmavo Fellas, chissà perché, e facevo il disegno: Bonini che era un vero pittore ci metteva i colori», racconta Fellini.